MASTER G.P. DELLE DOLOMITI 3° CATEGORIA A DOMEGGE

Master di 3° categoria G.P. delle Dolomiti a Domegge di Cadore dal 12 al 14 Novembre : Tolot uber allez

Davide Tolot si è imposto nel master di 3a del G.P. delle Dolomiti senza perdere un set e disponendo infinale del trevigiano Matteo Ongaro con relativa facilità.
Tolot , forte di un repertorio di colpi di prim’ordine unito ad una grande sagacia tattica ed un ottimapreparazione atletica , ha dimostrato per tutto il torneo una significativa superiorità.
La finale fra i 2 3.1 si è svolta alla presenza di un folto pubblico entusiasta del livello di gioco: dasottolineare la correttezza di tutti i partecipanti , che nel fine settimana si sono dati battaglia con grandeimpegno e senza lesinare energie. UN VERO SPOT PROMOZIONALE PER IL TENNIS.
Questi i risultati del tabellone ad 8 finale :
Quarti BARLUZZI b SIVESTRIN 7/6 6/2 TOLOT b LONGI 6/2 6/2 BALZAN b DAL FARRA 6/1 6/4 ONGARO bMAINARDI 7/5 6/0
Semi TOLOT b BARLUZZI 7/5 6/0 ONGARO b BALZAN 6/2 6/1
Finale TOLOT b ONGARO 6/3 6/4

 

AL DICIOTTENNE BELLUNESE MARCO BERGAGNIN LA 7A TAPPA DEL “CITTA’ DI PIEVE DI CADORE “

Si è svolta dal 28 Agosto al 12 settembre aPieve di Cadore presso i campi  del Tennis Club Tiziano la settima edizione del torneo nazionale maschile di tennis denominato “Città di Pieve di Cadore”, destinata a giocatori di 3a categoria.
La manifestazione cadorina costituiva l’ultima tappa dei circa 40 tornei inseriti nel Circuito Bellunese denominato “ Grand Prix delle Dolomiti “ , contraddistinta dalla presenza di 60 atleti  provenienti da tutta la Provincia di Belluno , più alcuni validissimi elementi  da Roma, Milano e dalla provincia di Treviso : si è trattato della edizione più importante sotto il profilo tecnico grazie alle performance di ben 8 atleti di 3a categoria e 7 di classifica 4.1, con il risultato di rendere l’esito finale quanto mai incerto ed avvincente. Si è svolto inoltre per la prima volta un torneo di doppio open , con la presenza di 8 coppie.

Il Torneo è stato inoltre caratterizzato da una grande sportività e correttezza dei presenti , in un clima di amicizia e allegria : le ottime condizioni climatiche con caldo e la quasi  assenza di pioggia  hanno fatto il resto,  rendendo lo spettacolo  particolarmente gradito anche ai numerosi appassionati locali .

Nel tabellone intermedio NC da registrare il grande impegno del redivivo Herbert Huber ( CCT CORTINA ), al rientro dopo diversi anni , capace di piegare dopo 3 combattutissimi set  con il punteggio di 4/6 6/3 6/2 il giovanissimo Daniele Roccon ( CT POLPET ), un under 16 che si è ben distinto quest’anno con veloci e importanti progressi.
Nel tabellone intermedio di 4a categoria il tenace Andrea Rossi ( TC TIZIANO ) ha avuto la meglio sul compagno di Circolo Gabriele Soravia: da registrare le ottime performance della promessa bellunese Luca Cerin ( SC BASSANO ) distintosi per un gioco molto aggressivo e spettacolare coniugato ad una maturità eccezionale per la giovane età.
Nel doppio grande spettacolo con la coppia Tolot/Soravia capace di imporsi sugli specialisti Rossi/Mainardi con il punteggio di 7/6 7/5 , dopo 2 ore di combattimento e diverse palle set mancati da quest’ultimi.
Infine nella finale del singolo di terza categoria fra 2 atteti di classifica 3.1 , seguita da un folto pubblico, il diciottenne mancino bellunese Marco Bertagnin ( SC BASSANO ) si è imposto dopo 3 intensi set con il punteggio di 7/5 4/6 6/1 sul fortissimo Davide Tolot ( SC VITTIORIO VENETO ): le rotazioni di stile spagnolo del primo, fondate su un’ottima preparazione atletica e schemi molto aggressivi hanno avuto la meglio sulle eccezionali doti di fiorettista del secondo classificato, rendendo la gara molto combattuta e divertente

Il Direttore del Circolo Edmondo Ortese, alla presenza del Delegato Provinciale FIT Fabrizio Montenero e del Direttore di gara Angelo Bianchi, tracciava durante la premiazione finale un resoconto del torneo:

In primis si evidenziava la grande qualità del torneo sul piano organizzativo grazie all’ottimo lavoro svolto dal Direttore di gara Angelo Bianchi coadiuvato dal Giudice Arbitro e Presidente del T.C. TIZIANO Italo Fedon : la manifestazione ha espresso i migliori contenuti tecnici ed agonistici degli ultimi 30 anni in Cadore, ripagando totalmente gli importanti sacrifici finanziari per predisporre un montepremi all’altezza della situazione.

Veniva poi sottolineata la grande armonia creatasi dopo 3 anni di intense collaborazioni fra i dieci Circoli della Provincia, con la creazione di un Comitato dei Circoli , egregiamente guidato dal Presidente Fabrizio Montenero e stabilmente impegnato a garantire la crescita del movimento a tutto tondo, senza campanilismi di sorta e sempre teso al contrario a valorizzare le peculiarità delle varie aree della nostra Provincia.
Il Grand Prix delle Dolomiti è stato in definitiva un grande successo, sia in termini di numeri che di qualità di gioco ed attenzione da parte delle Istituzioni e dei Media locali. Da qui la necessità di perseverare su questo percorso virtuoso, disponendo per il futuro nuove ed importanti novità finalizzate a rendere il Circuito Provinciale ancora più spettacolare.

Infine sottolineava la grande qualità del movimento bellunese, con la presenza di giovanissime leve in grado di seguire il percorso già tracciato da atleti come Balzan, Barluzzi , Berganin e Tolot, grandi interpreti ormai di livello regionale . I risultati dimostrano la bontà del lavoro svolto in ambito giovanile negli ultimi anni : la strada intrapresa è dunque quella giusta.